Zap Delivery

La piattaforma per l'invio e la ricezione di documenti firmata INTERSAIL. Grazie alla partnership con Poste Italiane ZapDelivery permette di trasmettere in modo massivo documenti sia su canali fisici (posta prioritaria, raccomandate, telegrammi, fax) sia su canali digitali (email, pec, ws) Non solo, anche la corrispondenza cartacea in ingresso viene digitalizzata da Poste Italiane e resa disponibile direttamente tramite la console di ZapDelivery.

La piattaforma gestisce diversi canali di distribuzione, da quelli prettamente digitali (PEC, email, cooperazione applicativa) ai tradizionali canali di postalizzazione (posta prioritaria, telegrammi, raccomandate, fax) con un tracking e monitoraggio completo delle attività, gestione dei centri di costo, rendicontazioni, allarmi e soglie d'uso. I canali di comunicazione utilizzabili possono essere scelti in base a diverse profilazioni, è possibile associare ad una data tipologia di documento quali canali fisici possono essere utilizzati definendo una priorità tra questi. Il sistema sceglierà poi  automaticamente, per ogni invio, quale canale effettivamente utilizzare in base ai canali disponibili nel profilo di ogni specifico destinatario. I documenti inviati possono provenire direttamente dai sistemi interni dell'Utente oppure essere generati direttamente dalla piattaforma in base a modelli gestibili con normali strumenti di office automation ed integrabili con dati provenienti dalle più svariate fonti (sono direttamente forniti connettori per accesso diretto a database, web-service, flussi xml, csv, …) Il ciclo di trattamento dei documenti può prevedere diverse fasi oltre alla trasmissione, ad esempio i documenti possono essere sottoposti a cicli di revisione, integrati in fascicoli, protocollati, firmati digitalmente. Non solo il sistema è in grado di compiere azioni interne sui documenti e processi ma può interagire con sistemi terzi durante l'intero ciclo di lavorazione. L'accesso a documenti e processi è governato da regole di accesso e visibilità estremamente granulari definibili sui singoli utenti, gruppi e ruoli da questi occupati. In questo modo si può permettere ad un utente di verificare che non vi siano documenti in attesa di essere trasmessi senza però che questo possa visualizzare il contenuto dei documenti stessi, oppure definire utenti che possono creare modelli solo per specifiche tipologie di processi etc...